Caso Morisi e la droga dello stupro.
Psicoterapia

Caso Morisi e la droga dello stupro.

 

Caso Morisi e la droga dello stupro, un vero e proprio allarme sociale.

I recenti fatti di cronaca legati all’utilizzo di nuovi stupefacenti quali il GHB (la cosiddetta “droga dello stupro”), unitamente all’aumento della violenza e dei femminicidi, fotografano una realtà sempre più difficile da gestire, frutto di frustrazione crescente causata da restrizioni e continui cambiamenti necessari per combattere la pandemia.

Tutti questi fenomeni purtroppo esistiti anche prima ma che, in questo contesto post-traumatico non elaborato, esplodono diventando sempre più frequenti.

L’aumento della violenza e dei femminicidi sono frutto della pandemia e ad esserne colpite sono soprattutto le grandi città.

Questo aumento di violenza e sfruttamento di droghe come quella dello stupro, riguardano soprattutto le grandi città in quanto luoghi maggiormente esposti a fattori di stress legati ad alienazione ed ansia da prestazione individuale e professionale.

Siamo di fronte a un allarme sociale che continuerà a crescere se non verranno attuati programmi di supporto e tutela alle categorie psicologicamente più fragili. 

L’incremento di droghe e aggressività represse, sono la punta di un iceberg di un disagio diffuso che va affrontato e gestito con strumenti di sensibilizzazione, formazione e nuovo welfare, per raggiungere le persone nelle diverse fasi della propria vita, dunque lavoro, scuola, sport e famiglia.

Diventare resilienti si può, ma bisogna guardare a modelli più sani e vincenti per allenare la propria capacità di rimanere flessibili agli urti della vita. 

Lo hanno ricordato i recenti successi ottenuti dai nostri connazionali in campo artistico  come i Maneskin agli Eurovision o sportivo con i nostri atleti che hanno fatto faville in competizioni come gli Europei di calcio, le Olimpiadi, le Paralimpiadi e l’Europeo di Pallavolo,  dimostrando un lato dell’Italia che anche sotto stress, riesce a reagire dando il meglio di sé.

Questo articolo è stato pubblicato sul magazine online https://www.spotandweb.it

Il tradimento e la sindrome dell’abbandono

Articolo Precedente

Potrebbe interessarti:

Commenti

I commenti sono chiusi